Quale oceano è il più grande?

L'Oceano Pacifico è il più grande degli oceani del mondo, seguito dall'Oceano Atlantico e, successivamente, dall'Oceano Indiano. Ancor prima che gli europei avvistassero il vasto oceano, le comunità preistoriche, come i popoli austronesiani, avevano attraversato il mare.

Etimologia

Nel 1519, il navigatore portoghese Ferdinand Magellan iniziò ad attraversare l'Oceano Atlantico in cerca di una rotta occidentale che lo avrebbe condotto alle Isole delle Spezie attraverso il Sud America. La piccola flotta riuscì a superare mari pericolosi ea navigare nello Stretto di Magellano per entrare nell'oceano precedentemente sconosciuto nel novembre 1520. Magellano chiamò questo corpo acquatico Pacifico a causa della calma dell'oceano in quel momento. Magellano e la sua flotta presumevano che le Isole delle Spezie si trovassero nelle vicinanze, anche se erano lontane mille miglia dalla loro destinazione.

Geografia dell'Oceano Pacifico

L'area della superficie dell'Oceano Pacifico di 64.000.000 miglia quadrate è quasi un terzo della superficie della Terra. Il Pacifico rappresenta il 46% della superficie dell'acqua della Terra. L'equatore la attraversa formando l'Oceano Pacifico Meridionale e l'Oceano del Nord Pacifico. L'oceano separa ulteriormente le regioni dell'Australia e dell'Asia dalle Americhe. Il Pacifico è la casa del punto più profondo conosciuto nel mondo, chiamato la Fossa delle Marianne, a 35.797 piedi di profondità. La tettonica delle placche ha causato il restringimento del Pacifico di circa 1 pollice all'anno su tre lati. Lo stretto di Bering collega l'Oceano Pacifico con l'Oceano Artico a nord, mentre a ovest la Seaway indonesiana collega l'Oceano Pacifico con l'Oceano Indiano. Lo stretto di Magellano funge da collegamento tra il Pacifico e l'Oceano Atlantico a est. Ci sono numerosi mari lungo i margini irregolari occidentali del Pacifico, tra cui il Mar Giallo, il Mare di Celebes, il Mare di Tasmania e il Mar del Giappone. Sebbene Magellano si imbattesse in un oceano pacifico, a volte le tempeste tropicali colpiscono le sue isole. Il territorio che circonda l'orlo del Pacifico è principalmente sede di vulcani e terremoti occasionali.

Isole nell'Oceano Pacifico

Il Pacifico ha un record di 25.000 isole. Le isole che si trovano interamente all'interno dell'oceano sono raggruppate come appartenenti alla Polinesia, alla Melanesia e alla Micronesia. La Melanesia ha la più grande delle isole del Pacifico, chiamata Nuova Guinea, così come gruppi di isole come la Nuova Caledonia, l'Arcipelago di Bismark, le Isole Figi, le Isole Salomone, Vanuatu e Sana Cruz. La Micronesia è situata a nord dell'equatore e comprende le isole di Kiribati, Mariana Island, Marshall Islands e Caroline Islands. La Polinesia è la più grande, con regioni come l'isola orientale, Tuvalu, isole Australi, Tokelau, Tuamotu, Samoa e Isole Cook. Le isole del Pacifico sono classificate in quattro tipi principali e comprendono le piattaforme di corallo sollevate, le isole continentali, le barriere coralline e le isole alte.

In che modo l'Oceano Pacifico avvantaggia economicamente gli esseri umani?

A causa della profondità del Pacifico, la sua ricchezza minerale non viene sfruttata in modo estensivo. Tuttavia, il gas naturale e il petrolio vengono estratti nelle coste poco profonde della Nuova Zelanda e dell'Australia. Le perle sono inoltre raccolte al largo delle coste delle Filippine, Australia, Nicaragua, Giappone e Panama, oltre che in Papua Nuova Guinea. Le specie ittiche raccolte nel Pacifico comprendono molluschi, aringhe, pesce spada, tonno e salmone.

Preoccupazioni ambientali

Nel periodo tra il 1972 e il 2012, il numero di frammenti di plastica raccolti nella regione nord-orientale del Pacifico è aumentato di cento volte. La maggior parte dei fiumi che si stanno svuotando nell'oceano sono già stati pesantemente inquinati da sostanze chimiche come i fertilizzanti. Il Pacifico detiene anche i resti di satelliti precipitati, tra cui Fobos-Grunt e Mars 96.