Cos'è il neo-capitalismo?

Il neocapitalismo è una miscela di vari elementi del capitalismo con altri sistemi economici. È un nuovo tipo di capitalismo che enfatizza l'intervento del governo nell'economia del paese per ristrutturare e salvare varie grandi compagnie che sono considerate troppo grandi per fallire. Il fallimento di queste aziende rappresenta un enorme rischio per l'economia. Il neocapitalismo è un nuovo tipo di capitalismo rispetto al capitalismo prima della seconda guerra mondiale.

Il neocapitalismo è un'ideologia economica che corregge i suoi eccessi applicando varie misure che aiutano a proteggere il benessere sociale del paese. L'ideologia sostiene un equilibrio tra buon governo pubblico, assistenza sociale, buone condizioni di lavoro, bassi livelli di disoccupazione, minore inflazione e crescita economica in tutta la nazione. Fu introdotto dalle aziende tecnologiche che furono ricostruite durante l'era del dopoguerra.

Origine del termine neo-capitalismo

La frase neocapitalismo fu usata per la prima volta alla fine degli anni '50 dal Belgio e da scrittori di sinistra francesi come Leo Michielsen e Andre Gorz. Il marxista Mandel ha aiutato a rendere popolare il termine in inglese in alcune delle sue opere, inclusa l'introduzione alla teoria dell'economia marxista. Michael Miller usò il termine neocapitalismo negli anni '70 per riferirsi alla miscela europea di vasti programmi di assistenza sociale, interventi governativi selettivi e vaste imprese private. Miller si è concentrato su come il lavoro organizzato ha lavorato con le industrie private e governative nel negoziare e implementare i livelli salariali e le spese governative per evitare gli scioperi.

Caratteristiche del neocapitalismo

Il neocapitalismo è un nuovo metodo di capitalismo le cui caratteristiche derivano dal bisogno di capitale e dal suo tentativo di rispondere alla sfida della rivoluzione coloniale e del blocco sovietico. Alcune delle caratteristiche del neocapitalismo includono:

1) Innovazione accelerata del tasso di tecnologia

Gli storici considerano che i tempi del neocapitalismo siano durati dal 1954 al 1964. Durante questo periodo le varie nazioni sviluppate hanno sperimentato un tasso di crescita eccezionalmente alto. La rapida crescita dopo la seconda guerra mondiale può essere attribuita alle successioni delle innovazioni tecnologiche sviluppate durante questo periodo. Prima che il neocapitalismo venisse adottato, i cambiamenti tecnologici furono introdotti in mazzi, e fu loro permesso di rimanere in letargo fino a quando il processo attuale non fu completamente sfruttato.

2) Riduzione della durata di vita di un capitale fisso

Precedentemente la durata della vita del capitale fisso era compresa tra otto e dieci anni. Quindi una nuova innovazione tecnologica ha dovuto aspettare fino alla fine della vita prima di essere adottata dall'economia. Più tardi, dopo la seconda guerra mondiale, la durata della vita del capitale fisso si ridusse a circa cinque anni e ciò impose calcoli precisi di obsolescenza e deprezzamento, oltre a una pianificazione a lungo termine adeguata.

3) Aumento dei volumi di produzione

La terza rivoluzione industriale ha visto l'introduzione di una nuova contraddizione tra i limiti delle effettive richieste di mercato e le illimitate capacità produttive. La difficoltà nel realizzare il plusvalore ha comportato un costante aumento del prezzo di vendita. Il neocapitalismo vide l'introduzione di tecniche di marketing, il calcolo dell'elasticità della domanda, la pubblicità e la ricerca di mercato. Tutte queste caratteristiche hanno portato all'introduzione graduale di varie tecniche di pianificazione nell'economia. Queste erano previsioni integrate della domanda e dell'output da parte di tutte le associazioni dei datori di lavoro basate sulle proiezioni delle tendenze future. Il neocapitalismo ha contribuito a razionalizzare gli investimenti di capitale.