Chi erano i Muckrakers?

L'era progressiva che andò dagli anni '90 agli inizi degli anni '20 negli Stati Uniti fu caratterizzata da riforme politiche e attività sociali diffuse con l'obiettivo di eliminare i problemi derivanti dall'industrializzazione, dalla migrazione e dall'urbanizzazione. Fu in questo spirito di riforma che un influente giornalista usò la piattaforma per attaccare i leader corrotti e rivelare le ingiustizie nella società. Questo gruppo di giornalisti è stato collettivamente definito "muckraker".

Lavoro di Muckrakers

Questi giornalisti avevano un vasto pubblico in alcune riviste popolari tra cui The Cosmopolitan Magazine e McClure's Magazine . I muckraker hanno lavorato per esporre monopoli aziendali e rivelare disfunzioni come lavoro minorile, condizioni di lavoro non sicure, prostituzione e povertà urbana. Il lavoro di muckrakers ha portato al passaggio di una legislazione fondamentale che salvaguarda e protegge lavoratori e consumatori.

Oggi, i giornalisti investigativi negli Stati Uniti vengono definiti muckraker.

Sfondo di Muckraking

Sebbene la letteratura sulle riforme fosse apparsa prima dell'era progressista, il re del giornalismo che sarebbe diventato "muckraking" iniziò intorno al 1900. Riviste come McClure's Magazine e Collier's Weekly erano già in circolazione da allora. Il numero del gennaio 1903 di McClure's Magazine è accreditato per scatenare il giornalismo muckraking. Tuttavia, il termine "muckraker" è stato coniato solo in seguito.

Nel 1905, Upton Sinclair ha scritto The Jungle, un romanzo che ha romanzato lo stato di contaminazione e corruzione nel settore delle carni di Chicago. Nel suo romanzo, Sinclair ha accresciuto la consapevolezza sullo sfruttamento e le condizioni difficili a cui sono stati sottoposti i lavoratori. La descrizione del romanzo di tali condizioni e la contaminazione della carne portano ad una protesta pubblica e alla richiesta di regolamenti federali sulle industrie alimentari e farmaceutiche. Di conseguenza, la legge sull'alimentazione e la droga e la legge sull'ispezione delle carni furono approvate nel 1906.

Ben presto, il "giornalismo personale" si è evoluto in giornalismo investigativo e le riviste sono diventate i principali sbocchi per questo tipo di giornalismo.

Origine del termine

Quando il presidente Theodore Roosevelt assunse la presidenza nel 1901, iniziò a dirigere la stampa. Per ottenere ciò, ha promosso il suo segretario stampa allo status di gabinetto e ha tenuto conferenze stampa alla Casa Bianca. Tuttavia, i giornalisti investigativi si sono dimostrati più difficili da gestire rispetto a quelli obiettivi. Il presidente ha usato le sue conferenze stampa in modo efficace per promuovere il suo Square Deal, una serie di politiche interne volte ad aiutare i cittadini della classe media.

Durante uno dei suoi discorsi nell'aprile del 1906, il presidente Roosevelt fu citato come usando le frasi "rastrellamenti" e "rastrellando il letame" in riferimento ai giornalisti investigativi che hanno evidenziato spiacevoli "putrefazioni" della corruzione nelle imprese e nei governi. Il nome "muckrakers" divenne presto popolare e alla fine venne usato come riferimento per i giornalisti investigativi.

Muckrakers famosi

Alcuni dei più famosi putrefatti dell'Era Progressiva erano donne. Forse il muckraker femminile più famoso è Ida Tarbell che è stato uno dei principali contributori al Magazine di McClure nel 1902. Ha esposto il magnate della Standard Oil John Rockefeller nel suo libro The History of Standard Oil come un uomo corrotto e avido.

Altri muckraker hanno incluso Lincoln Steffens, autore di The Shame of Minneapolis, Julius Chambers, che ha scritto principalmente di abuso psichiatrico, Ray Stannard Baker, autore di The Right to Work, Josiah Flynt, Jack London e Alfred Henry Lewis, che ha contribuito per The Cosmopolitan Magazine .